Storia e utilizzo del terzo punto per trattori agricoli

trattore con aratro all'opera

Nel settore agricolo  è importante l’impiego di trattrici agricole insieme ai relativi attrezzi, è dunque di vitale importanza un sistema che permetta l’unione di queste due parti. Tale sistema prende il nome di attacco a 3 punti comunemente conosciuto come terzo punto.

Il terzo punto è un dispositivo meccanico usato sui trattori agricoli per agganciare e usare attrezzi o macchine operatrici come: aratro, fresa e coltivatore.

La sua storia

Fu inventato da  Henry George Ferguson (1884-1960) ingegnere e inventore irlandese conosciuto per avere inventato e sviluppato il moderno trattore agricolo: nel 1917 Ferguson si era reso conto del problema che il trattore e l’aratro erano due unità distinte e separate, inoltre aveva pensato che l’aratro potesse essere rigidamente assemblato a un modello Ford T. Tale idea lo aveva portato a un momentaneo successo che venne condizionato dal competitivo modello F. Fordson.

Nel 1921 Ferguson era entrato in società con Henry Ford e sempre nello stesso anno aveva pubblicato la nuova prima versione del suo collegamento a tre punti adattabile sui modelli Fordson: Henry Ferguson e Henry Ford avevano pensato di creare un sistema di aggancio per attrezzi Ferguson sui trattori Fordson, il progetto non venne più continuato. Sebbene oggi questo particolare attacco attrezzi garantisca il posizionamento dell’attrezzo rispetto alla trattrice, nelle diverse fasi di lavoro e di trasporto diventa la massima efficienza in termini di allestimento dell’attacco. L’evoluzione è avvenuta col braccio idraulico nel terzo punto, la cui funzione è quella di allineare gli attrezzi rispetto al suolo mantenendoli paralleli. Tale evoluzione ha fatto sì che tanti agricoltori sperimentino soluzioni tecniche diverse da quelle spiegate dai manuali. È opportuno montare il braccio come descritto nei manuali e nelle guide fornite dalla casa produttrice, quindi utilizzare quello più adatto alle proprie esigenze senza mettere a repentaglio il pezzo sostituito.

Tipologie diverse di terzo punto

Esistono nel mercato diverse tipologie di terzo punto e si diversificano dalla larghezza delle parallele dell’attrezzo. Le tipologie conosciute sono le seguenti: cat 1, cat 2, cat 2H, cat 3L, cat 3, cat 4 e le più rare sono la categoria 1N e la categoria 2N. Diversa è la situazione nella quale le estremità rientrano in una categoria mentre il loro attacco ne rientra in un’altra. Non considerando questi “incroci” appena citati, le tipologie si riferiscono di solito alla larghezza delle parallele: si consiglia di seguire questi parametri, per un regolare montaggio, una giusta lavorazione e affinché il pezzo duri più del tempo per il quale è stato fabbricato. Solitamente si consiglia di scegliere sempre un modello ad attacco rapido e di tipo idraulico, che possa a bordo del trattore facilitare il lavoro, e che possa attutire le irregolarità del fondo mantenendo l’attrezzo parallelo al terreno. Non è in ogni caso negativo cambiare il braccio del terzo punto a seconda della lavorazione, avvicendare per esempio uno idraulico per terreni più sconnessi con uno semplice per lavorazioni meno gravose, in modo da aumentare il ciclo vitale di entrambi i pezzi.

Fonte: Lasio Agricoltura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *