Il wpc:pratico e funzionale per la pavimentazione da esterni

wpc

Il WPC è uno dei materiali che sta riscuotendo più successo negli ultimi anni ed è apprezzatissimo dai possessori di villette e dai centri dedicati al divertimento.

WPC un materiale innovativo per pavimentare i giardini

Una fibra ottenuta dallo scarto del legno

Il materiale fece il suo ingresso in America dove riscontrò un parere favorevole e quando è arrivato anche nella nostra penisola ha trovato il parere positivo di molti utenti.

Dapprima con il WPC che assomiglia tantissimo alla plastica, venivano realizzati solo arredi da giardino poi, l’industria di pavimentazioni ha iniziato a progettare mattonelle da esterno che hanno una grande somiglianza con le essenze lignee ma sono molto più pratiche e funzionali perché la posa in opera è facile e la manutenzione e semplicissima e veloce.

Il WPC si ricava dallo scarto della lavorazione del legno da parte di altre industrie del settore e a questa polvere vengono aggiunti degli additivi per conferire resistenza e solidità ai manufatti.

Tali additivi sono coloranti ed altre sostanze completamente innocue alla salute dell’uomo e non emanano nessuna sostanza volatile che possa nuocergli.

Le pavimentazioni in WPC sono l’ideale per i bordi delle piscine e per quei posti dove si vuole rimanere scalzi perché il pavimento ha la caratteristica di essere anti scivolo e di non avere nessuna scheggia o protuberanza che possa ferire gli utilizzatori.

Inoltre, le mattonelle in WPC sono inattaccabili da insetti e muffe e resistono a tutte le temperature, anche alle più estreme

Con il pavimento in WPC non si sbaglia mai

Un pavimento utile e pratico

Quando bisogna pavimentare le zone esterne, sorge il dubbio amletico di quali mattonelle scegliere e se si stia compiendo la scelta ottimale.

In effetti, una volta che si è deciso di pavimentare tutto o parte del manto erboso sorgono tantissimi dubbi perché la paura di sbagliare pavimentazione è sempre tanto anche perché l’investimento non è esiguo.

wpcGrazie al WPC si risolvono una marea di problemi perché non solo è molto economico ma ha una funzionalità notevole che lo porta ad essere il protagonista indiscusso delle aree esterne.

Spesso, questa pavimentazione viene posizionata solo in maniera estemporanea nel senso che dopo la fine dell’estate viene smontata e riposizionata l’anno successivo e addirittura, è possibile cambiare il luogo di posa.

Il pavimento, infatti, viene posato con la metodica flottante nel senso che non si fissa definitivamente al suolo ma i quadrotti in WPC si assemblano ad incastro e si tolgono quando si desidera.

La manutenzione è estremamente facile infatti basta lavarli con un secchio d’acqua nel quale è stato diluito un pò di detergente neutro e spazzolarli energicamente con una scopa morbida.

In questo modo si elimineranno anche le macchie più ostinate come quelle d’erba o di sostanze chimiche cadute al suole.

Un’altra caratteristica fondamentale del WPC è quella di non rovinarsi mai nonostante gli urti e la caduta di oggetti contundenti.

Un materiale idoneo a chi ama l’ecosostenibilità

Il WPC è riciclabile al 100%

Il ‘Wood plastic composit’ che in gergo viene definito WPC è composto da una mescola di polimeri plastici che dopo tecniche di ultima generazione si tramuta da composizione solida in composizione con l’aspetto della viscosa che viene messa in stampi che conferiscono la forma desiderata, e nel caso della pavimentazione, il listoni o quadrotti.

Le associazioni presenti in Italia che si occupano di materiali di riciclo, hanno classificato il WPC come uno dei migliori materiali di recupero poiché una volta terminato il suo ciclo di vita, può essere triturato, ridotto in granuli e riutilizzato per altre lavorazioni per ben sette volte.

Per apprezzare il WPC bisogna provarlo anche perché la pavimentazione è di facile ispezionabilità nel senso che sotto di essa andranno posizionati tubi e cavi dell’impiantistica presente in giardino e se occorre una riparazione, si toglieranno solo un paio di quadrotti giusto nel punto dove occorre l’aggiusto per poi essere rimessi al loro posto.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *